Aleteia

twitter

Un giovane cristiano di 23 anni, il cui corpo è stato ritrovato il 7 agosto tra le macerie con una croce in mano, è diventato il simbolo della tragedia avvenuta a Beirut (Libano) sui social network.

Si chiamava Joe Elias Akiki e lavorava nel porto di Beirut per pagarsi gli studi in Ingegneria Elettronica presso l’Università di Notre Dame – Louaize in Libano, un centro cattolico dove studiava dal 2016.

«Intrappolato per tre giorni sotto l’edificio crollato, Joe Akiki ha pregato tutto il tempo tenendo la croce in mano, è morto pregando, è morto in silenzio», ha detto la giornalista Christiane Waked sul suo account Twitter.

L’università ha salutato Joe con un altro cinguettio, aprendo con una significativa citazione di santa Teresa di Lisieux: «Non sto morendo, sto entrando nella vita».